sabato 20 aprile 2019

Auguri di Buona Pasqua

I tempi sempre più ristretti a mia disposizione mi costringono a minimizzare le mie incursioni su Speziarunning, cui ormai dedico solamente qualche decina di minuti ogni tanto, limitandomi quasi esclusivamente ad aggiornare le parti del sito dedicate a risultati e locandine o presentazioni degli eventi podistici di prossimo svolgimento. Nei giorni scorsi, ho anche subito un piccolo “attacco” pubblicitario, da parte di una persona a me sconosciuta che ha inserito alcuni commenti ai post più recenti, utilizzando il relativo spazio per promuovere la propria attività di concessione di prestiti personali: se dovesse succedere nuovamente, vi prego di segnalarmelo onde permettermi di provvedere a mettere in atto le necessarie contromisure, cancellando i messaggi sgraditi ed, eventualmente, ricorrendo a mezzi deterrenti più efficaci. Questo episodio, che la dice lunga sulle mie difficoltà a districarmi tra i vari impegni, è un piccolo campanello d’allarme che vedrò di utilizzare per spronarmi a scrivere maggiormente nei prossimi mesi, sperando anche di poter partecipare a qualche gara per potervene fornire i necessari resoconti. Per ora, mi limito a formularvi i miei migliori auguri per le festività pasquali che stiamo celebrando, ripromettendomi di tenervi aggiornati quanto prima.

mercoledì 10 aprile 2019

Il 14 aprile, tutti alla CorriArcola!

Sta già diventando un appuntamento consolidato del calendario podistico spezzino, ancorchè sia giunta appena alla sua terza edizione: stiamo parlando della CorriArcola, che domenica 14 aprile verrà messa in scena dall’Atletica Arci Favaro, lungo la zona prospiciente il parco fluviale del fiume Magra, con partenza alle ore 9:30. Quest’anno la competizione agonistica è stata inserita nel Calendario Nazionale della Federazione Italiana di Atletica Leggera ed è l’unica gara provinciale ammessa a far parte del ristrettissimo numero di quattordici eventi appartenenti al circuito denominato “Grand Prix Run Liguria 2019”, che è iniziato domenica scorsa e che si propone di fidelizzare il maggior numero possibile di runners affiliati alle varie società sportive con sede nella nostra regione. Le iscrizioni, riservate agli sportivi tesserati Fidal o in possesso della Runcard Fidal o Runcard Eps, sono già aperte sul sito specializzato www.endu.net e chiuderanno improrogabilmente sabato 13 alle ore 20, fermo restando che gli organizzatori consigliano di affrettarsi, considerato il fatto che il pacco gara, consistente in un utile accessorio podistico rigorosamente color amaranto, verrà garantito solamente ai primi duecento atleti, mentre gli altri potranno godere di una tariffa ridotta, in considerazione della disponibilità dei gadgets. La gara si svolgerà sul tradizionale tracciato collaudatissimo con partenza ed arrivo presso il parco comunale di via Porcareda, dal quale si dipaneranno i dieci chilometri interamente pianeggianti che notoriamente consentono prestazioni cronometriche di grande rilievo, che verranno stimolate anche dall’offerta di un premio speciale che il negozio di articoli sportivi Evolution Sport stanzierà per colui o colei che batteranno i record maschile o femminile della manifestazione e dagli oltre ottanta riconoscimenti previsti per i primi che taglieranno il traguardo. La giornata sarà dedicata al ricordo del compianto Raffaele Maugeri, cui verrà intitolato sia il trofeo che verrà assegnato al gruppo sportivo con il maggior numero di presenti alla rassegna agonistica, ma anche la camminata ludico-motoria aperta a tutti, che si disputerà su un percorso da cinquemila metri: per quest’ultimo evento, sarà possibile iscriversi sul posto fino a quindici minuti prima del via, versando una ridotta quota di affiliazione. Gli organizzatori, che sono a disposizione alla mail atleticafavaro@virgilio.it, ringraziano anticipatamente tutti gli sponsor che rendono possibile la CorriArcola, tra i quali meritano la giusta menzione - oltre al già citato Evolution Sport - la Pasticceria Punto d’Incontro di Besenghi (sita in Ceparana) che fornirà il sempre gradito ristoro finale, l’Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti, che domenica 14 metterà la propria Unità Mobile Oftalmica a disposizione dei presenti per fornire informazioni utili e per effettuare screenings oculistici gratuiti e tutti coloro che hanno sostenuto l’allestimento della giornata, tra cui Sitemar, Landi & Moretti Assicurazioni e Luigini Ecologia.

venerdì 5 aprile 2019

Angelini e Cibei si impongono nella Vivicittà

Due cavalcate solitarie hanno caratterizzato la trentaseiesima edizione di Vivicittà, la tradizionale competizione podistica allestita dalla Uisp e disputatasi domenica scorsa a La Spezia sul rinnovato tracciato caratterizzato dalla distanza accorciata a dieci chilometri. Il giovanissimo Samuele Angelini, in forza alle Fiamme Oro della Polizia, si è imposto nella gara maschile chiudendo la propria fatica con il riscontro cronometrico finale di trentadue minuti e trentuno secondi, distaccando di oltre cinquecento metri Enrico Ferlazzo (Spezia Marathon/Dlf), che ha conquistato la piazza d’onore precedendo Alberto Gattinoni (Gruppo Città di Genova). Non voleva essere da meno ed ha così confezionato una prestazione superlativa la vincitrice femminile, ovvero Margherita Cibei, che si è confermata al vertice della graduatoria rosa, conquistando anche un lusinghiero settimo piazzamento nella classifica compensata a livello nazionale, grazie al tempo di trentasette minuti e tredici secondi con il quale la portacolori dell’Asd Golfo dei Poeti ha completato la sua gara: anche in tal caso, i distacchi con le altre atlete che hanno conquistato il podio, ovvero Luciana Bertuccelli (Pro Avis Castelnuovo Magra) e Francesca Ferlazzo (Spezia Triathlon), sono stati considerevoli nonostante l’indiscusso valore delle runners in questione. Duecentoventicinque agonisti hanno tagliato il traguardo, posto anche quest’anno nella splendida ed assolata cornice di Piazza Brin, con una discreta aliquota di concorrenti appartenenti al gentil sesso e Vivicittà ha completato la sua festa anche con un’ottima affluenza per la passeggiata amatoriale, che ha visto circa millesettecento partecipanti. Purtroppo non sono stati pochi i problemi alla viabilità cittadina, considerata anche la concomitanza con la Gran Fondo ciclistica che ha impegnato in maniera massiva le Forze dell’Ordine: personalmente ho assistito un volontario all’incrocio tra Viale Garibaldi e Corso Cavour che aveva l’improbo incarico di gestire l’attraversamento pedonale (senza avere i poteri e l’autorità necessaria...) e vi posso assicurare che non è stato un compito agevole, al punto che abbiamo compiuto qualche piccolo errore, per il quale mi devo scusare con alcuni runners, la cui pazienza ha evitato problemi peggiori.

sabato 30 marzo 2019

31 marzo: appuntamento con Vivicittà 2019

Domani si correrà in sessanta città italiane ed estere la trentaseiesima edizione di Vivicittà, l’appuntamento podistico internazionale organizzata dall’Unione Italiana Sport Per Tutti che unisce lo sport ad importanti temi di solidarietà e promozione di diritti. L’importantissima novità dell’edizione 2019 sarà la distanza della prova competitiva, abbreviata ad un più “canonico” percorso da dieci chilometri, rispetto ai dodici tradizionali, mentre i non agonisti si cimenteranno nel tradizionale tracciato lungo circa quattromila metri. Nella nostra città la manifestazione, allestita per il terzo anno dal Comitato Territoriale Unificato della Spezia e della Val di Magra, prenderà il via alle ore 10:30 dalla splendida cornice di Piazza Brin, ove verrà allestito anche il villaggio dell’evento, in cui sarà possibile iscriversi fino a pochi minuti prima del via: come consuetudine, le vie del centro cittadino saranno il teatro della gara, che vedrà coinvolti sia gli atleti più performanti che i tapascioni della domenica, senza disdegnare gli istituti scolastici della città, che verranno coinvolti nell’iniziativa denominata “Porta la tua scuola nella corsa per tutti”, con premi speciali per i gruppi più numerosi. Per quanto concerne l’aspetto sociale di Vivicittà, appare doveroso menzionare lo scopo della manifestazione, che quest’anno è tesa a sensibilizzare le istituzioni e l’opinione pubblica sui temi della solidarietà tra i popoli, della pace e del rispetto dei diritti umani e dell’ambiente: in tal senso, gli organizzatori devolveranno un euro per ogni partecipante al fine di sostenere un progetto a favore dei bambini siriani che fuggono dalla guerra. Nella speranza che il disagio per la viabilità spezzina sia il più contenuto possibile, anche considerando la concomitanza con il contemporaneo svolgimento della Gran Fondo ciclistica che metterà a dura prova i nervi di automobilisti e di coloro che vorranno trascorrere una giornata di relax, ci auguriamo che Vivicittà raccolga importanti risultati di partecipazione e di soddisfazione per tutti coloro che presenzieranno all’evento.

giovedì 14 marzo 2019

Fidal Liguria lancia il suo circuito: noi stiamo a guardare...

Tra le idee più gettonate per dare una scossa al movimento del running su strada, che da anni soffre di una “crisi vocazionale” derivante da molteplici fattori, il collegamento di più competizioni è indubbiamente l’iniziativa più praticata. Fidal Liguria non ha voluto essere da meno e, rispettando tale tradizione, ha creato “Run Liguria 2019”: si tratta di un circuito che riunisce dodici gare che si svolgeranno nella nostra regione nel corso dell’annata appena cominciata e che, attraverso un intricato meccanismo di classifiche dedicate e di premiazioni specifiche, intende fidelizzare i podisti, invitandoli a portare a termine almeno otto competizioni tra quelle calendarizzate, onde essere inseriti nella graduatoria finale. La presentazione mediatica della nuova creatura è stata affidata al “Secolo XIX” con una bella intervista al referente regionale della Fidal Carlo Rosiello, che ha illustrato le caratteristiche del nostro sport, sia dal lato agonistico che sul versante più prettamente organizzativo, senza disdegnare un accenno alla funzione aggregativa della corsa a livello sociale. Purtroppo non è mancata una frecciatina agli spezzini: tra le dodici gare in programma nel circuito, la nostra provincia non ne ospita nessuna (contro le sei allestite nel genovese, le cinque organizzate da Savona e la 10km dell’Olio di Oliva imperiese) e la Liguria di Levante, almeno atleticamente parlando, sembra fermarsi a Chiavari. E, personalmente, dispiace che venga detta una verità scomoda, ovvero che “Run Liguria 2019” non è riuscita a “coinvolgere La Spezia, dove ci sono pochissime gare su strada (...)” e dove “molti preferiscono andare a correre in Toscana”. Al di là del fatto che, anche nel nostro comprensorio, esistono competizioni validamente organizzate e ben partecipate (pensiamo, ad esempio, alla “Notturna di Sant’Erasmo” lericina ed alla “CorriArcola”), la nostra provincia paga - una volta in più - la mancanza di fiducia in un movimento che, attraverso l’allestimento di manifestazioni podistiche, è in grado di creare anche un adeguato indotto economicamente degno di menzione. E, nell’attesa dei Campionati Assoluti su Pista che la Federazione metterà in scena nel 2020, anche in questa occasione siamo costretti a stare a guardare...

sabato 2 marzo 2019

Correre in casa: un’esperienza da ripetere

Domenica scorsa ho avuto il piacere di correre la “White Marble Marathon”, evento allestito da Paolo Barghini e dal suo staff che mettono in scena questa manifestazione da tre anni. Si poteva scegliere tra la mezza maratona - con partenza da Carrara ed arrivo sul lungomare di Marina di Massa - e la distanza doppia, che ovviamente prevedeva il rientro al punto del via attraverso un passaggio per le strade del capoluogo massese: ho optato per quest’ultima soluzione, allettato dal fatto che la mia preparazione non prevede la disputa di più di un paio di gare annue sulla distanza dei quarantadue chilometri e, ovviamente, il fatto di avere a disposizione una maratona praticamente sotto casa è stata un’occasione da cogliere al volo. Ho sofferto (come sempre mi capita quando travalico la terza ora di gara) e non ho centrato appieno l’obiettivo che mi ero prefissato, però ho portato la gara a termine in maniera più che decorosa e, naturalmente, questo è il momento del bilancio della mia esperienza. Devo essere sincero? Mi sono divertito un sacco! Sono stato accompagnato dall’amico Angelo, che mi ha affiancato in bicicletta godendosi quasi tutta la mia fatica, agevolato dal fatto che c’erano poco più di trecento partecipanti sul percorso lungo e pertanto anche gli organizzatori hanno consentito qualche strappo alla regola: è stato un aiuto non da poco, soprattutto dal punto di vista morale, stante il fatto che abbiamo riso e scherzato nei momenti di maggiore difficoltà. La “scorta” ciclistica era programmata e mi immaginavo che avrebbe fornito un apporto positivo alle mie performances da tapascione: quello che, però, non avrei mai sospettato è stato il supporto, sincero e affettuoso, di diverse decine di colleghi di avventure. Mi aspettavo il tifo dei miei compagni di squadra, ma ho avuto il sostegno anche di avversari, atleti e dirigenti appartenenti ad altre compagini ed anche l’incitamento di semplici conoscenti. Sono stato coccolato fin da prima del via ed anche dopo il traguardo. Ho avuto il piacere di constatare quante persone mi dimostrino sinceramente il loro affetto e posso assicurare che, nel mio cuore (il fiato era cortissimo!) le ho altrettanto sinceramente contraccambiate. Al di là dell’aspetto organizzativo, che per me è stato ineccepibile - ancorchè alcune premiazioni potrebbero essere rivedibili - la “White Marble Marathon” mi ha lasciato uno splendido ricordo. Leggo che Paolo Barghini ha avuto qualche screzio con le Amministrazioni Comunali per problematiche burocratiche che avrebbero messo a repentaglio lo svolgimento della manifestazione nelle ultime giornate prima di domenica scorsa e che, pertanto, vorrebbe rassicurazioni sul fatto che queste situazioni non si ripetano, pena la cancellazione o lo spostamento dell’evento in altra sede. Mi auguro che i protagonisti trovino un accordo. Per me, la “White Marble Marathon” è un’esperienza da ripetere.