lunedì 26 agosto 2019

Del Sarto e Cibei superano i record della “CorriCastelnuovo”

La gran qualità delle prestazioni cronometriche dei vincitori è stata la caratteristica saliente della quinta edizione della “CorriCastelnuovo”, manifestazione podistica inserita nel calendario del Corrilunigiana disputatasi domenica scorsa nello splendido scenario delle colline che portano all’abitato di Castelnuovo Magra. Il trionfatore dell’edizione 2019 dell’evento castelnovese è stato Andrea Del Sarto (Asd Atletica Spezia Duferco) che ha percorso i nove chilometri abbondanti del tracciato di gara in trenta minuti e quarantuno secondi, superando di poco meno di venti secondi il precedente limite stabilito due anni fa da Raffaele Poletti e regolando il compagno di squadra Paolo Bonazzi e Riccardo Quilico, portacolori dell’Asd Pro Avis Castelnuovo Magra. Tra le donne, si conferma lo strapotere di Margherita Cibei (Asd Golfo dei Poeti), che è giunta al traguardo in quinta posizione assoluta (precedendo, pertanto, sulla linea del traguardo tutti gli uomini, esclusi i tre menzionati e il quarto classificato Davide Pruno), ed ha, a sua volta, stracciato il suo stesso record risalente all’edizione 2018, chiudendo la propria fatica in trentaquattro minuti e quarantotto secondi: alle sue spalle, con oltre tre minuti di distacco, il podio femminile è stato completato da Luciana Bertuccelli (Asd Pro Avis Castelnuovo Magra) e da Isabella Pellegrini (La Galla Pontedera Atletica). Oltre ai lauti riconoscimenti offerti dall’organizzazione, cui ha contribuito in maniera consistente il Conad La Miniera, che ha fornito oltre cinquanta premi ai vari concorrenti che si sono distinti nella rassegna castelnovese, i vincitori hanno così potuto usufruire di un’ulteriore gratificazione messa a disposizione dal negozio di articoli sportivi Evolution Sport di Arcola, che sarebbe stato assegnato solamente in caso di superamento dei record della gara, circostanza che si è verificata grazie alle superprestazioni dei due trionfatori. Per ciò che concerne le squadre, la Pro Avis Castelnuovo Magra, oltre ad aver inserito i propri tesserati nelle prime posizioni di gara, ha anche conquistato un riconoscimento in qualità di gruppo podistico più numeroso, mentre la speciale classifica che ha aggiudicato il trofeo intitolato al compianto Francesco Mussi, combinando i dati della “CorriCastelnuovo” con i numeri dei partecipanti al “5° Trofeo Pro Avis” svoltasi la scorsa primavera, è stata conquistata dall’Asd Golfo dei Poeti. Gli atleti partecipanti alla “CorriCastelnuovo” sono stati quasi duecentocinquanta, equamente suddivisi tra concorrenti agonistici, piccoli runners che hanno concorso alle competizioni riservate alle categorie juniores (che si sono disputate su distanze ridotte), e camminatori impegnati nella marcia ludico-motoria: nessuna lamentela, pochi intoppi nonostante la concomitanza con una rassegna ciclistica e tutti contenti, e grande soddisfazione per Angelo Salvetti, per la Pro Loco castelnovese e per il connesso Circolo Arci, che hanno costituito lo staff organizzativo della manifestazione. L’appuntamento sarà perciò quasi sicuramente confermato nella meravigliosa cornice di Piazza Querciola tra dodici mesi, per la sesta edizione dell’evento. La prossima tappa del circuito del Corrilunigiana è invece stabilita per sabato prossimo, quando Vaccareccia ospiterà la trentasettesima edizione della “Marcia Straca”, una manifestazione tra le più amate dai podisti locali per la sua storia e per il suo percorso paesaggisticamente stimolante.

mercoledì 21 agosto 2019

Tutto pronto per la "5^ CorriCastelnuovo"

Sta diventando un appuntamento fisso del calendario podistico provinciale ed è un evento che ormai si può definire irrinunciabile, grazie all’allestimento impeccabile ed ad una location di rara bellezza: stiamo parlando della “CorriCastelnuovo”, la cui quinta edizione andrà in scena domenica prossima, con partenza ed arrivo nel cuore pulsante del paese di Castelnuovo Magra, ossia in quella Piazza Querciola che tutti gli anni si popola di podisti grazie all’attività organizzativa svolta primariamente da Angelo Bruno Salvetti, coadiuvato dall’Arci locale, dall’Amministrazione Comunale e dall’Asd Pro Avis che metterà a disposizione i propri atleti a supporto della manifestazione. Poco più di nove chilometri per i runners impegnati nella gara competitiva, che prenderà il via alle 18.30, ovvero circa un’ora dopo la partenza della camminata ludico-motoria e della marcia per i nostri amici a quattro zampe, che si svolgeranno contemporaneamente alle prove giovanili in cui le nuove leve dell’atletica si daranno battaglia su percorsi di distanza ridotta, interamente tracciati all’interno del caratteristico centro storico del borgo castelnovese: l’obiettivo sarà l’abbattimento dei primati stabiliti da Raffaele Poletti (Atletica Lunezia), che due anni fa concluse la propria fatica in trenta minuti e cinquantanove secondi, e da Margherita Cibei, capace di terminare la “CorriCastelnuovo” in trentacinque ed trentanove secondi nell’edizione 2018. Un riconoscimento speciale è stato infatti predisposto per coloro che abbasseranno tali limiti, ferme restando le premiazioni che, tradizionalmente, sono previste per tutte le competizioni inserite nel circuito del Corrilunigiana, tra le quali figura anche la “CorriCastelnuovo”, i cui organizzatori gratificheranno tutti i bambini partecipanti, le tre società sportive più numerose ed i primi tre classificati assoluti maschili e femminili, nonché i primi cinque atleti che si piazzeranno sui vari podi di categoria. Il servizio di cronometraggio è fornito da Mysdam, sulla cui piattaforma telematica (www.mysdam.net) si può già manifestare il proprio interesse a partecipare all’evento, fermo restando che i ritardatari possono iscriversi anche sul posto, fino a pochi minuti dal via: a tal proposito, poichè la strada d’accesso al centro storico chiuderà alle 17,00, gli organizzatori hanno previsto un servizio navetta gratuito con partenza dai posti auto interni al Centro Commerciale La Miniera e successivo ritorno presso il medesimo parcheggio, a partire dalle 19,30. Per tutte le ulteriori informazioni sulla manifestazione, ci si può rivolgere telefonicamente ad Angelo Bruno Salvetti (339-1708248) o inviare una mail a angelbrun@libero.it.

domenica 9 giugno 2019

Una piccola precisazione

Stamattina, mentre mi trovavo a Varese Ligure per partecipare alla sempre ben organizzata “21 del Biologico”, mi è stato fatto notare che il calendario del Palio del Marciatore - da me pubblicato nell’apposito trafiletto di Speziarunning - contiene alcune inesattezze. Nello specifico, vi sono stati alcuni spostamenti che hanno coinvolto le manifestazioni podistiche in programma nelle scorse domeniche e negli eventi fissati per il prossimo fine settimana. Mi devo scusare anticipatamente con coloro che fossero stati eventualmente tratti in inganno dall’indicazione secondo la quale la sesta edizione della “Muzzerunning” si sarebbe dovuta disputare quindici giorni fa: come riportato dal volantino e dal comunicato di presentazione, inseriti nella sezione delle notizie in evidenza su questo blog, questa gara si è disputata stamattina sulle alture prospicienti l’abitato graziotto, ove si sono fronteggiati sia gli atleti che hanno preso parte alla competizione vera e propria, ma anche i non agonisti che hanno preferito optare per la camminata ludico-motoria. Domenica prossima, invece, ci vedremo tutti in quel di Beverino per la decima edizione della “Saliscendi” omonima: per questa gara, pertanto, la data corretta è quella del 16 giugno, come riportato anche dall’organizzazione del Corrilunigiana, nel cui circuito è inserito tale appuntamento. Anche in tal caso questa calendarizzazione è ovviamente valida sia per i runners più forti che per coloro che preferiscono non guardare il cronometro, che si cimenteranno sui quattordici chilometri del nervoso tracciato collinare che verrà predisposto dallo staff capitanato da Massimiliano Ercolini.

venerdì 24 maggio 2019

Atletica Duferco: una fabbrica di campioni

Nelle scorse settimane, le giovani promesse di Atletica Spezia Duferco appartenenti alle categorie cadetti maschile e femminile (classe 2004 e 2005) si sono imposte nei Campionati Regionali di Società, svoltisi a Boissano (SV). Nonostante le pessime condizioni meteorologiche che hanno funestato l'intera sessione di gare, i talenti accompagnati dal Direttore Tecnico Federico Leporati, dal Direttore Sportivo Dimitri Giromella e dai preparatori atletici Roberta Buonarrico, Giovanna Agnolucci, Alessandro Brogini, Roberto Di Stani, Paola Romano e Carolina Leporati, non hanno mancato di fornire prestazioni di assoluto rilievo. Nello specifico, la pista ha regalato un doppio successo sia sulla distanza dei 1000 metri, grazie alla pluridecorata Melissa Sarti ed ad un ottimo Cesare Brioli, sia nelle staffette veloci, grazie ai quartetti composti da Marta Drovandi, Sofia Lampo’, Emma Panettieri e Sofia Gritti e da Leonardo Viviani, Cesare Brioli, Riccardo Maggetti e Federico Ribolla, ma il risultato di squadra è stato nobilitato anche dai trionfi della mezzofondista Anna Simoncelli, dello sprinter Federico Ribolla (che ha ritoccato il suo primato personale sugli 80 metri, nonostante le avversità climatiche), del lunghista Matteo Fantozzi e del pesista Matteo Diaz. Citazione d'onore anche per gli altri piazzamenti sul podio, conseguiti da Emma Panettieri (300 metri), Asia D'Imporzano (alto), Ginevra Dal Cielo (lungo), Isabel Turku (peso), Leonardo Volorio (100 metri), Francesco Favazza (300 metri) e dalla seconda staffetta 4x100 maschile, formata da Armando Noe’, Francesco Favazza, Giovanni Soldani e Simone Dall’Olio, con una menzione particolare per i medagliati che hanno migliorato i propri limiti, ovvero la velocista Sofia Gritti, la giavellottista Beatrice Battistoni, la mezzofondista Nina Rebecchi e la marciatrice Letizia Bassi. Per gli amanti delle statistiche, le cadette di Atletica Spezia Duferco hanno conseguito complessivamente 8326 punti, ovvero oltre 750 punti a gara, distanziando la compagine piazzatasi al secondo posto di ben 1395 lunghezze, mentre i maschi hanno staccato di quasi millecinquecento punti gli avversari più temibili, dimostrando che - almeno a Boissano - gli altri team si sono realmente dovuti accontentare delle briciole. Ma l’incessante attivita’ agonistica di Atl. Spezia Duferco non si è limitata a questi trionfi: lo junior Marco Andreoli ha infatti vinto a Castelfiorentino sulla distanza dei 110 ostacoli, ove ha limato il proprio record facendo fermare il cronometro a 15”50, mentre ottimi segnali sono giunti anche dal settore assoluto e, nello specifico, dalle notizie provenienti dal Trofeo Goldoni Benetti, disputatosi a Modena, in cui Alice Franceschini ha primeggiato, conseguendo anche il minimo di partecipazione per gli Assoluti nei 1500 metri, spalleggiata da Andrea Del Sarto, che ha trionfato nell'analoga gara maschile, con buone performances giunte anche dagli specialisti del giro di pista Alessandro La Mantia, Alberto Maggetti e Rita Ricciotti e dall'ostacolista Rachele Gerardi.

lunedì 13 maggio 2019

Un annullamento a lunga scadenza

Quella che sto per scrivere è decisamente una comunicazione a lungo termine, ma è comunque un’informazione importante per gli atleti che prendono parte al Corrilunigiana, visto che la gara in oggetto era inserita nel calendario del circuito quale quart’ultima prova e, pertanto, la sua cancellazione riveste una particolare importanza proprio in tale ottica: gli organizzatori della “5^ Corri Pontremoli”, appuntamento competitivo che avrebbe dovuto svolgersi il prossimo 15 settembre, ci comunicano l’annullamento della manifestazione. Il numero complessivo degli eventi podistici nel programma del Corrilunigiana rimane comunque pari a ventisette, per cui ci sono ampie possibilità per dare sfogo alle nostre velleità agonistiche ad incominciare dal pomeriggio di sabato prossimo, in cui si svolgerà la decima edizione del “Trofeo Verde Città”, in quel di Olivola.

sabato 27 aprile 2019

Pista da primato

La pista del Campo Sportivo Montagna regala un primato italiano allieve durante la prima edizione del Meeting di Atletica Città della Spezia, svoltosi nel giorno della Festa della Liberazione: Larissa Iapichino, portacolori dell’Atletica Firenze Marathon, ha battuto la miglior prestazione nazionale under 18 sull’insolita distanza dei 300 ostacoli, fermando il cronometro sul tempo di quarantuno secondi e novantasei centesimi e superando di ventisei centesimi il precedente limite stabilito il 26 luglio 2017 da Valeria Paccagnella a Nancy. La sedicenne Iapichino, due volte campionessa nazionale tra le allieve proprio su questa specialità e detentrice della miglior prestazione under 18 anche sui cinquanta ostacoli indoor e nel pentathlon (in cui, tra l’altro, ha vinto recentemente il titolo tricolore a Padova), si conferma così tra le promesse più scintillanti dello sport italiano, grazie anche alle cure affettuose di papà Gianni - astista di livello mondiale - e di mamma Fiona May, che non ha certo bisogno di presentazioni. Per quanto riguarda gli altri risultati della serata spezzina, anche le pedane hanno riservato una prestazione di tutto rispetto, grazie a Marco Lingua (Asd Marco Lingua 4ever), già finalista mondiale del lancio del martello, che ha migliorato di otto centimetri il primato stagionale di specialità, da lui stesso stabilito in occasione dei Tricolori invernali svoltisi a Lucca, allungando la gittata a settantatrè metri e sessantaquattro centimetri: nella gara spezzina, l’atleta piemontese ha impressionato soprattutto per la sequenza di lanci, con cinque “martellate” oltre i settantuno metri, dopo un nullo iniziale. Buone notizie sono infine giunte anche dagli atleti della compagine che giocava tra le mura amiche, ovvero l’Asd Atletica Spezia Duferco, che ha primeggiato sia tra i velocisti, grazie a Ianko Lattarulo ed Elena Arena (che hanno condotto al successo anche le rispettive staffette 4x100, ove le atlete dell’Atletica Spezia hanno collocato ben due formazioni sotto il muro dei cinquanta secondi), ma anche con i mezzofondisti Andrea Del Sarto ed Alice Franceschini.

sabato 20 aprile 2019

Auguri di Buona Pasqua

I tempi sempre più ristretti a mia disposizione mi costringono a minimizzare le mie incursioni su Speziarunning, cui ormai dedico solamente qualche decina di minuti ogni tanto, limitandomi quasi esclusivamente ad aggiornare le parti del sito dedicate a risultati e locandine o presentazioni degli eventi podistici di prossimo svolgimento. Nei giorni scorsi, ho anche subito un piccolo “attacco” pubblicitario, da parte di una persona a me sconosciuta che ha inserito alcuni commenti ai post più recenti, utilizzando il relativo spazio per promuovere la propria attività di concessione di prestiti personali: se dovesse succedere nuovamente, vi prego di segnalarmelo onde permettermi di provvedere a mettere in atto le necessarie contromisure, cancellando i messaggi sgraditi ed, eventualmente, ricorrendo a mezzi deterrenti più efficaci. Questo episodio, che la dice lunga sulle mie difficoltà a districarmi tra i vari impegni, è un piccolo campanello d’allarme che vedrò di utilizzare per spronarmi a scrivere maggiormente nei prossimi mesi, sperando anche di poter partecipare a qualche gara per potervene fornire i necessari resoconti. Per ora, mi limito a formularvi i miei migliori auguri per le festività pasquali che stiamo celebrando, ripromettendomi di tenervi aggiornati quanto prima.

mercoledì 10 aprile 2019

Il 14 aprile, tutti alla CorriArcola!

Sta già diventando un appuntamento consolidato del calendario podistico spezzino, ancorchè sia giunta appena alla sua terza edizione: stiamo parlando della CorriArcola, che domenica 14 aprile verrà messa in scena dall’Atletica Arci Favaro, lungo la zona prospiciente il parco fluviale del fiume Magra, con partenza alle ore 9:30. Quest’anno la competizione agonistica è stata inserita nel Calendario Nazionale della Federazione Italiana di Atletica Leggera ed è l’unica gara provinciale ammessa a far parte del ristrettissimo numero di quattordici eventi appartenenti al circuito denominato “Grand Prix Run Liguria 2019”, che è iniziato domenica scorsa e che si propone di fidelizzare il maggior numero possibile di runners affiliati alle varie società sportive con sede nella nostra regione. Le iscrizioni, riservate agli sportivi tesserati Fidal o in possesso della Runcard Fidal o Runcard Eps, sono già aperte sul sito specializzato www.endu.net e chiuderanno improrogabilmente sabato 13 alle ore 20, fermo restando che gli organizzatori consigliano di affrettarsi, considerato il fatto che il pacco gara, consistente in un utile accessorio podistico rigorosamente color amaranto, verrà garantito solamente ai primi duecento atleti, mentre gli altri potranno godere di una tariffa ridotta, in considerazione della disponibilità dei gadgets. La gara si svolgerà sul tradizionale tracciato collaudatissimo con partenza ed arrivo presso il parco comunale di via Porcareda, dal quale si dipaneranno i dieci chilometri interamente pianeggianti che notoriamente consentono prestazioni cronometriche di grande rilievo, che verranno stimolate anche dall’offerta di un premio speciale che il negozio di articoli sportivi Evolution Sport stanzierà per colui o colei che batteranno i record maschile o femminile della manifestazione e dagli oltre ottanta riconoscimenti previsti per i primi che taglieranno il traguardo. La giornata sarà dedicata al ricordo del compianto Raffaele Maugeri, cui verrà intitolato sia il trofeo che verrà assegnato al gruppo sportivo con il maggior numero di presenti alla rassegna agonistica, ma anche la camminata ludico-motoria aperta a tutti, che si disputerà su un percorso da cinquemila metri: per quest’ultimo evento, sarà possibile iscriversi sul posto fino a quindici minuti prima del via, versando una ridotta quota di affiliazione. Gli organizzatori, che sono a disposizione alla mail atleticafavaro@virgilio.it, ringraziano anticipatamente tutti gli sponsor che rendono possibile la CorriArcola, tra i quali meritano la giusta menzione - oltre al già citato Evolution Sport - la Pasticceria Punto d’Incontro di Besenghi (sita in Ceparana) che fornirà il sempre gradito ristoro finale, l’Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti, che domenica 14 metterà la propria Unità Mobile Oftalmica a disposizione dei presenti per fornire informazioni utili e per effettuare screenings oculistici gratuiti e tutti coloro che hanno sostenuto l’allestimento della giornata, tra cui Sitemar, Landi & Moretti Assicurazioni e Luigini Ecologia.

venerdì 5 aprile 2019

Angelini e Cibei si impongono nella Vivicittà

Due cavalcate solitarie hanno caratterizzato la trentaseiesima edizione di Vivicittà, la tradizionale competizione podistica allestita dalla Uisp e disputatasi domenica scorsa a La Spezia sul rinnovato tracciato caratterizzato dalla distanza accorciata a dieci chilometri. Il giovanissimo Samuele Angelini, in forza alle Fiamme Oro della Polizia, si è imposto nella gara maschile chiudendo la propria fatica con il riscontro cronometrico finale di trentadue minuti e trentuno secondi, distaccando di oltre cinquecento metri Enrico Ferlazzo (Spezia Marathon/Dlf), che ha conquistato la piazza d’onore precedendo Alberto Gattinoni (Gruppo Città di Genova). Non voleva essere da meno ed ha così confezionato una prestazione superlativa la vincitrice femminile, ovvero Margherita Cibei, che si è confermata al vertice della graduatoria rosa, conquistando anche un lusinghiero settimo piazzamento nella classifica compensata a livello nazionale, grazie al tempo di trentasette minuti e tredici secondi con il quale la portacolori dell’Asd Golfo dei Poeti ha completato la sua gara: anche in tal caso, i distacchi con le altre atlete che hanno conquistato il podio, ovvero Luciana Bertuccelli (Pro Avis Castelnuovo Magra) e Francesca Ferlazzo (Spezia Triathlon), sono stati considerevoli nonostante l’indiscusso valore delle runners in questione. Duecentoventicinque agonisti hanno tagliato il traguardo, posto anche quest’anno nella splendida ed assolata cornice di Piazza Brin, con una discreta aliquota di concorrenti appartenenti al gentil sesso e Vivicittà ha completato la sua festa anche con un’ottima affluenza per la passeggiata amatoriale, che ha visto circa millesettecento partecipanti. Purtroppo non sono stati pochi i problemi alla viabilità cittadina, considerata anche la concomitanza con la Gran Fondo ciclistica che ha impegnato in maniera massiva le Forze dell’Ordine: personalmente ho assistito un volontario all’incrocio tra Viale Garibaldi e Corso Cavour che aveva l’improbo incarico di gestire l’attraversamento pedonale (senza avere i poteri e l’autorità necessaria...) e vi posso assicurare che non è stato un compito agevole, al punto che abbiamo compiuto qualche piccolo errore, per il quale mi devo scusare con alcuni runners, la cui pazienza ha evitato problemi peggiori.

sabato 30 marzo 2019

31 marzo: appuntamento con Vivicittà 2019

Domani si correrà in sessanta città italiane ed estere la trentaseiesima edizione di Vivicittà, l’appuntamento podistico internazionale organizzata dall’Unione Italiana Sport Per Tutti che unisce lo sport ad importanti temi di solidarietà e promozione di diritti. L’importantissima novità dell’edizione 2019 sarà la distanza della prova competitiva, abbreviata ad un più “canonico” percorso da dieci chilometri, rispetto ai dodici tradizionali, mentre i non agonisti si cimenteranno nel tradizionale tracciato lungo circa quattromila metri. Nella nostra città la manifestazione, allestita per il terzo anno dal Comitato Territoriale Unificato della Spezia e della Val di Magra, prenderà il via alle ore 10:30 dalla splendida cornice di Piazza Brin, ove verrà allestito anche il villaggio dell’evento, in cui sarà possibile iscriversi fino a pochi minuti prima del via: come consuetudine, le vie del centro cittadino saranno il teatro della gara, che vedrà coinvolti sia gli atleti più performanti che i tapascioni della domenica, senza disdegnare gli istituti scolastici della città, che verranno coinvolti nell’iniziativa denominata “Porta la tua scuola nella corsa per tutti”, con premi speciali per i gruppi più numerosi. Per quanto concerne l’aspetto sociale di Vivicittà, appare doveroso menzionare lo scopo della manifestazione, che quest’anno è tesa a sensibilizzare le istituzioni e l’opinione pubblica sui temi della solidarietà tra i popoli, della pace e del rispetto dei diritti umani e dell’ambiente: in tal senso, gli organizzatori devolveranno un euro per ogni partecipante al fine di sostenere un progetto a favore dei bambini siriani che fuggono dalla guerra. Nella speranza che il disagio per la viabilità spezzina sia il più contenuto possibile, anche considerando la concomitanza con il contemporaneo svolgimento della Gran Fondo ciclistica che metterà a dura prova i nervi di automobilisti e di coloro che vorranno trascorrere una giornata di relax, ci auguriamo che Vivicittà raccolga importanti risultati di partecipazione e di soddisfazione per tutti coloro che presenzieranno all’evento.

giovedì 14 marzo 2019

Fidal Liguria lancia il suo circuito: noi stiamo a guardare...

Tra le idee più gettonate per dare una scossa al movimento del running su strada, che da anni soffre di una “crisi vocazionale” derivante da molteplici fattori, il collegamento di più competizioni è indubbiamente l’iniziativa più praticata. Fidal Liguria non ha voluto essere da meno e, rispettando tale tradizione, ha creato “Run Liguria 2019”: si tratta di un circuito che riunisce dodici gare che si svolgeranno nella nostra regione nel corso dell’annata appena cominciata e che, attraverso un intricato meccanismo di classifiche dedicate e di premiazioni specifiche, intende fidelizzare i podisti, invitandoli a portare a termine almeno otto competizioni tra quelle calendarizzate, onde essere inseriti nella graduatoria finale. La presentazione mediatica della nuova creatura è stata affidata al “Secolo XIX” con una bella intervista al referente regionale della Fidal Carlo Rosiello, che ha illustrato le caratteristiche del nostro sport, sia dal lato agonistico che sul versante più prettamente organizzativo, senza disdegnare un accenno alla funzione aggregativa della corsa a livello sociale. Purtroppo non è mancata una frecciatina agli spezzini: tra le dodici gare in programma nel circuito, la nostra provincia non ne ospita nessuna (contro le sei allestite nel genovese, le cinque organizzate da Savona e la 10km dell’Olio di Oliva imperiese) e la Liguria di Levante, almeno atleticamente parlando, sembra fermarsi a Chiavari. E, personalmente, dispiace che venga detta una verità scomoda, ovvero che “Run Liguria 2019” non è riuscita a “coinvolgere La Spezia, dove ci sono pochissime gare su strada (...)” e dove “molti preferiscono andare a correre in Toscana”. Al di là del fatto che, anche nel nostro comprensorio, esistono competizioni validamente organizzate e ben partecipate (pensiamo, ad esempio, alla “Notturna di Sant’Erasmo” lericina ed alla “CorriArcola”), la nostra provincia paga - una volta in più - la mancanza di fiducia in un movimento che, attraverso l’allestimento di manifestazioni podistiche, è in grado di creare anche un adeguato indotto economicamente degno di menzione. E, nell’attesa dei Campionati Assoluti su Pista che la Federazione metterà in scena nel 2020, anche in questa occasione siamo costretti a stare a guardare...

sabato 2 marzo 2019

Correre in casa: un’esperienza da ripetere

Domenica scorsa ho avuto il piacere di correre la “White Marble Marathon”, evento allestito da Paolo Barghini e dal suo staff che mettono in scena questa manifestazione da tre anni. Si poteva scegliere tra la mezza maratona - con partenza da Carrara ed arrivo sul lungomare di Marina di Massa - e la distanza doppia, che ovviamente prevedeva il rientro al punto del via attraverso un passaggio per le strade del capoluogo massese: ho optato per quest’ultima soluzione, allettato dal fatto che la mia preparazione non prevede la disputa di più di un paio di gare annue sulla distanza dei quarantadue chilometri e, ovviamente, il fatto di avere a disposizione una maratona praticamente sotto casa è stata un’occasione da cogliere al volo. Ho sofferto (come sempre mi capita quando travalico la terza ora di gara) e non ho centrato appieno l’obiettivo che mi ero prefissato, però ho portato la gara a termine in maniera più che decorosa e, naturalmente, questo è il momento del bilancio della mia esperienza. Devo essere sincero? Mi sono divertito un sacco! Sono stato accompagnato dall’amico Angelo, che mi ha affiancato in bicicletta godendosi quasi tutta la mia fatica, agevolato dal fatto che c’erano poco più di trecento partecipanti sul percorso lungo e pertanto anche gli organizzatori hanno consentito qualche strappo alla regola: è stato un aiuto non da poco, soprattutto dal punto di vista morale, stante il fatto che abbiamo riso e scherzato nei momenti di maggiore difficoltà. La “scorta” ciclistica era programmata e mi immaginavo che avrebbe fornito un apporto positivo alle mie performances da tapascione: quello che, però, non avrei mai sospettato è stato il supporto, sincero e affettuoso, di diverse decine di colleghi di avventure. Mi aspettavo il tifo dei miei compagni di squadra, ma ho avuto il sostegno anche di avversari, atleti e dirigenti appartenenti ad altre compagini ed anche l’incitamento di semplici conoscenti. Sono stato coccolato fin da prima del via ed anche dopo il traguardo. Ho avuto il piacere di constatare quante persone mi dimostrino sinceramente il loro affetto e posso assicurare che, nel mio cuore (il fiato era cortissimo!) le ho altrettanto sinceramente contraccambiate. Al di là dell’aspetto organizzativo, che per me è stato ineccepibile - ancorchè alcune premiazioni potrebbero essere rivedibili - la “White Marble Marathon” mi ha lasciato uno splendido ricordo. Leggo che Paolo Barghini ha avuto qualche screzio con le Amministrazioni Comunali per problematiche burocratiche che avrebbero messo a repentaglio lo svolgimento della manifestazione nelle ultime giornate prima di domenica scorsa e che, pertanto, vorrebbe rassicurazioni sul fatto che queste situazioni non si ripetano, pena la cancellazione o lo spostamento dell’evento in altra sede. Mi auguro che i protagonisti trovino un accordo. Per me, la “White Marble Marathon” è un’esperienza da ripetere.

sabato 23 febbraio 2019

La festa dei marciatori

Domani alle 10:45, presso la palazzina Arcimboldo sita in via dei Pioppi, a Pegazzano, il Comitato di Coordinamento delle marce non competitive della Spezia e della Lunigiana, presieduto da Elisa de Fraia, terrà la sua trentaseiesima assemblea annuale. Come consuetudine, in quest’occasione verrà presentata l’attività per quanto riguarda la stagione appena cominciata, cui seguirà la premiazione degli atleti che hanno partecipato alla maggior parte delle manifestazioni messe in scena nel corso del 2018. Al termine della riunione, i podisti si sposteranno presso il ristorante Kapovolto 2.0, in via Lunigiana 590, per il tradizionale pranzo sociale. Nonostante la partecipazione leggermente in calo anche a causa di alcuni annullamenti provocati dal maltempo, gli “aficionados” del mondo delle camminate non competitive che si sono meritati la menzione per l’assiduità nelle presenze agli eventi allestiti dal Comitato Marce e dai vari gruppi di organizzatori locali sono stati ben sessantatre: in rigoroso ordine alfabetico, la giusta citazione va a Danilo Aloisini, Maria Angeli, Paolo Ardito, Antonio Arfanotti, Giorgio Baldacci, Bruno Barrani, Enzo Bellani, Roberto Belligoni, Piera Bianco, Roberto Bibiano, Mariella Boschi, Lucia Bruni, Riccardo Bulgaresi, Miria Butti, Arnaldo Casadio, Luisella Casali, Elio Catuogno, Luigi Cecchinelli, Stefania Chicchi, Maria Conti, Franca Craffen, Sergio Crocicchia, Elisa De Fraia, Domenico Delle Fave, Silvano Di Natale, Carlo Ercolei, Gloria Faggiani, Claudia Fantoni, Daniele Francini, Giovanni Gabrielli, Eugenio Ghinetti, Maria Grazia Gianardi, Lorenzo Gori, Elvia Jorfida, Franco Levi, Giuseppe Lopresti, Roberta Lucetti, Leone Mafrica, Anna Marcucci, Giovanni Mastroianni, Aurora Mecherini, Guelfo Mecherini, Paolo Moisè, Adriana Monti, Maria Rosaria Nigro, Giuseppe Pagano, Mario Paglionico, Laura Pandolfi, Ivana Pierini, Carlo Piga, Maria Pia Ragni, Paolo Ricci, Giuseppe Rosi, Aldo Rossi, Gabriella Rossi, Antonio Sarrecchia, Gianfranco Scattina, Alessandro Sighinolfi, Marisa Tartaruga, Sefora Vannini, Mauro Vasoli, Antonio Venturelli e Rosetta Violani.

venerdì 15 febbraio 2019

Partenza ad handicap

Riceviamo e pubblichiamo la notizia dell’annullamento della trentottesima edizione della marcia non competitiva “Tre Mulini”, che avrebbe dovuto disputarsi domenica prossima con svolgimento a Ponzano Magra presso la sede sociale della Polisportiva Madonnetta. Il calendario invernale del Comitato Marce subisce così un’ulteriore riduzione, considerata anche la cancellazione della tradizionale “Marcia con l’Arci”, che non è stata neppure inserita tra gli appuntamenti della stagione 2019 e che, tradizionalmente, era collocata nel mese di gennaio. A questi punti, il prossimo evento in programma per il popolo dei camminatori amatoriali è fissato per domenica 3 marzo, con l’esordio della manifestazione podistica allestita dalla “Polisportiva Scudo Azzurro”, con partenza alle ore 8:30 nel quartiere di Rebocco, e più precisamente in Via Monfalcone 148, da cui si dipaneranno, come consuetudine, un percorso più breve lungo circa sei chilometri ed un tracciato più impegnativo su una distanza poco più che doppia, adatto ai runners più allenati: l’organizzazione è curata dalla Pubblica Assistenza locale, capitanata da Elisabetta Aliani, che è a disposizione telefonicamente (339-8984443) per tutte le informazioni necessarie.

sabato 9 febbraio 2019

Prove generali

Nei giorni scorsi, la Federazione Italiana di Atletica Leggera ha assegnato un altro importante riconoscimento alla nostra città, affidandole il diritto di allestire la finale B dei Campionati Assoluti di Società, in programma il 15 ed il 16 giugno prossimi. Sarà una prova generale in vista dell’appuntamento con i Campionati Individuali Assoluti del 2020, che vedranno i migliori atleti a livello nazionale contendersi gli scudetti tricolori a poche settimane di distanza dal culmine della stagione agonistica - che sarà rappresentato dall’Olimpiade di Tokyo - e, pertanto, appare chiara l’intenzione della Fidal di voler testare il funzionamento della macchina organizzativa di Atletica Spezia Duferco e dei volontari che vorranno coadiuvare lo staff capitanato da Norberto Capiferri, Federico Leporati, Stefano Mei e Daniele Neri, in vista del prossimo impegno e di altri eventuali eventi che potrebbero venir gestiti dalla stessa collaudata squadra. Si tratta, anche in questo caso, di un’importante vetrina per La Spezia e per il suo indotto: ventiquattro compagini provenienti da tutta Italia si sfideranno su piste e pedane del Campo Sportivo Montagna e, pertanto, sebbene i numeri saranno inferiori rispetto a quelli che la nostra città dovrà gestire l’anno prossimo, sono già stati avviati i contatti con le scuole, con le associazioni di categoria, con gli enti pubblici e soprattutto con le strutture ricettive per valutarne la disponibilità e per coinvolgerle attivamente nel progetto, sempre tenendone presenti gli sviluppi futuri. Una bella opportunità per mettere in vista la nostra città e gli atleti locali, visto che il Presidente Federale Alfio Giomi ha accosentito alla richiesta dello staff tecnico di Atletica Spezia Duferco e permetterà alle squadre maschili e femminili del sodalizio sprugolino di partecipare, di diritto, alla manifestazione, considerato l’adeguato livello tecnico e la necessità di collaudare, numericamente e qualitativamente, la gestione delle gare. Come si può notare anche da questo piccolo “regalo” della Fidal, l’intento è quello di mettere in scena un weekend in cui si disputeranno grandi competizioni, ma si getterà uno sguardo importante al futuro dell’atletica spezzina, con ottime aspettative e con la certezza di garantire un servizio di qualità al nostro sport.

sabato 26 gennaio 2019

La corsa campestre ritorna al Montagna

Oltre quattrocento studenti appartenenti alle scuole medie inferiori e superiori della nostra provincia si sono dati appuntamento mercoledì scorso nel rinnovato campo sportivo “A. Montagna” per contendersi il campionato spezzino di corsa campestre per le categorie ragazzi, cadetti, allievi e juniores maschili e femminili. La referente zonale di educazione motoria del Miur, Giovanna Agnolucci, ha coordinato la mattinata, baciata da condizioni meteorologiche eccezionali per il mese di gennaio, dirigendo il lavoro degli insegnanti, dei giudici, del personale sanitario e dei vari volontari che hanno presenziato all’evento. Per quanto riguarda l’aspetto agonistico della mattinata, i nuovi campioni provinciali sono: Paolo Bonazzi (Cardarelli, juniores maschile), Licia Domenichini (Cardarelli, juniores femminile), Fiorenzo Angelini (Itis, allievi maschile), Emma Panettieri (Costa, allievi femminile), Mattia Sciuto (Pellico, cadetti maschile), Lucrezia Fenelli (Pellico, cadetti femminile), Sentayehu Menghini (Pellico, ragazzi maschile) e Elena Irbetti (Favaro, ragazzi femminile). I titoli a squadre sono stati conquistati dal Cardarelli (juniores maschili), dal Costa (juniores e allieve femminili), dal Pacinotti (allievi maschili) e dalla Pellico (cadetti maschili e femminili): le prime due compagini delle categorie allievi e cadetti, sia maschile che femminile, si sono aggiudicate il diritto di partecipare alla fase regionale della manifestazione, in programma ad Imperia il prossimo 14 febbraio.

venerdì 4 gennaio 2019

Una tradizione da rispettare

Come ogni anno, la Befana porta doni e dolcetti ai bambini e regala la prima scarpinata non competitiva ai podisti spezzini, che domenica mattina potranno ritrovarsi presso la sede del Comitato Marce di via dei Pioppi per prendere parte alla venticinquesima edizione del “Corripegazzano”, intitolata all’indimenticato Pier Manlio Bibiano, dirigente sportivo locale prematuramente scomparso. La consuetudine prevede l’allestimento di due percorsi collinari, al fine di accontentare le esigenze dei meno allenati - che potranno cimentarsi sulla distanza di cinque chilometri - e anche le velleità di chi è già più avanti con la preparazione e non intende lasciarsi intimorire dai tredici chilometri del cosiddetto “tracciato lungo”: i più ardimentosi si arrampicheranno per la Litoranea onde raggiungere la Madonna dell’Olmo e Biassa per poi ridiscendere a valle, mentre i meno temerari si addentreranno negli abitati della Lizza e di Fabiano per ritornare al punto di ritrovo percorrendo la strada parallela alla pista ciclabile. La partenza è prevista per le nove, con iscrizioni direttamente sul posto a partire da pochi minuti prima del via. Viene confermata anche per il 2019 la quota di iscrizione, fissata in tre euro, che consentirà di usufruire di un simpatico premio di partecipazione e permetterà alle società di appartenenza dei partecipanti di concorrere per l’assegnazione dei trofei che gratificheranno le compagini più numerose. Può sembrare superfluo dirlo, ma gli organizzatori ci informano che saranno particolarmente apprezzate le signore che volessero vestirsi con gli abiti della simpatica vecchina che viene celebrata proprio il sei gennaio, onde aggiungere ulteriore allegria ad una mattinata che si annuncia radiosa anche dal punto di vista meteorologico.