mercoledì 9 ottobre 2013

La prima volta non si scorda mai

Dopo i bei piazzamenti conseguiti nelle passate edizioni del Trail del Golfo dei Poeti ed in diverse altre gare, sia su strada che su sentieri di montagna, il primo successo in carriera per Lorenzo Fumagalli è arrivato domenica scorsa in occasione della sesta edizione del Trail del Monte Picaru, competizione che si svolge sulle alture sovrastanti la cittadina di Cisano sul Neva (SV). Il portacolori dell’Atletica Arci Favaro ha prevalso sul percorso di diciassette chilometri, caratterizzato da un dislivello di millecento metri, primeggiando su un gruppo composto da oltre cinquanta concorrenti e regolando in volata il forte atleta locale Antonio Parato (Albenga Runners) e lo specialista Omar Riccardi. Il successo della società spezzina è stato completato dalla compagna di squadra, di allenamenti e di vita di Lorenzo, Mara Figliola, che si è tolta la soddisfazione di conquistare un prestigioso secondo posto nella competizione femminile, superando nel finale una coriacea Franca Rubaldo (G.S. Valtanaro) e chiudendo la propria fatica dopo oltre cento minuti di salita, preceduta dalla sola inarrivabile Patrizia Mutti (Sai Frecce Bianche). Una bella soddisfazione per il sodalizio capitanato da Roberto Scordamaglia e per la famiglia composta da Lorenzo e Mara, due ragazzi con un carattere mite che sanno trasformarsi, quando indossano canotta e pantaloncini, in atleti grintosi e tenaci.

3 commenti:

  1. Ciao Davide, grazie per l'articolo! Mi sembra che quest'anno, nonostante tutti i problemi, il mondo della corsa spezzina abbia dato più di un segnale di vita, sia a livello di master (con l'apice di un fuoriclasse come Khalid Gaout capace di surclassare Ghallab e di imporsi anche nella competitiva scena toscana) sia, fatto più importante, a livello giovanile con i successi delle bravissime ragazze della Spectec!
    Un saluto ai miei compagni di squadra e a tutti quelli che, in qualunque modo, condividono la passione per la corsa, siano giovani mezzofondisti veloci (che invidio..), coriacei stradisti, trailer o jogger della maggiolina!
    P.S. io domenica credevo aver vinto con un autorevole arrivo in solitaria.. ma forse ero troppo stanco e non mi sono accorto di aver fatto la volata ;-)
    Lorenzo

    RispondiElimina
  2. Grazie Davide per l'articolo! Sì, è stata una bella soddisfazione salire sul podio, ancora di più se si è conquistato in trasferta e su un percorso sconosciuto! Saluti a tutti e buone corse!
    Mara.

    RispondiElimina
  3. bravi i miei bambini!

    RispondiElimina