lunedì 12 aprile 2010

Vivicittà, Sara c'era... eccome se c'era!

E come si suol dire per certe occasioni speciali: "Io c'ero"...
Sapete che è stato bello fare quel giro simbolico di corsa nelle aree pedonali della città, tutti assieme giovani e meno giovani, corridori amatoriali e atleti che quando vanno a gareggiare riescono a "dire la loro". Che quando corrono fuori sono fieri di portare ed esaltare il nome della propria città con le loro prestazioni qualunque esse siano. Perché quel filo di lana ogni volta si taglia solamente dopo aver conosciuto la fatica, solo dopo migliaia di passi, messi in fila uno dietro l'altro, a volte anche con testardaggine, con coraggio. E se si riesce a fare veramente propria la corsa, in modo giusto, significa avere la fortuna di poter crescere con qualcosa di unico. Qualcosa che è in grado di regalarti valori speciali su cui formare la tua persona, qualcosa che ti insegna a vivere da subito, qualcosa di magico che solo per questo ripaga mesi e mesi di fatiche. Alla fine delle quali sai benissimo che non ti aspetta (o per alcuni ben poca) remunerazione economica. Ma a parer mio alla fine e durante tutti quei migliaia di passi hai ottenuto molto di più...qualcosa che non ha certo prezzo.
Già migliaia di passi in fila, da percorrere tutti con umiltà, perché la corsa è vita e come quest'ultima a volte è molto dura. Se durante il percorso trovi la salita devi imparare ad affrontarla con le tue sole forze e attingendo a quei valori che questo sport ti ha mostrato. Con le tue sole forze, senza trucchi o scorciatoie, perché solo allora saprai cosa vuol dire veramente correre, solo allora saprai cosa vuol dire davvero vivere.
Stamattina c'era profumo di corsa, l'aria frizzante accompagnava un'atmosfera pulita e genuina. Stamattina più che mai le gambe si muovevano col cuore e nella mente correvano lontani i sogni.
E' bello essere una "atleta", perchè si può raccontare tutto questo e molto di più!
Un grazie a tutti quelli che c'erano.
Sara

4 commenti:

  1. bellissimo !!!!Brava Sara!!!

    RispondiElimina
  2. Ciao Sara!!! GRANDE!!!!!Selene

    RispondiElimina
  3. Davide D'Amanzo13 aprile 2010 11:36

    Un po' di visibilità l'abbbiamo avuta anche sui giornali con l'articolo di oggi. Ma la lettera di Sara merita ben altra audience: Riccardo, ma la pagina delle lettere alla Nazione non esiste più???

    RispondiElimina
  4. Sono D'accordo con davide!!

    RispondiElimina