venerdì 19 novembre 2010

Fusse che fusse la volta buona...

Dopo tante cattive notizie, per l'atletica, legate al centro sportivo "Montagna" è possibile che ci sia qualche spiraglio positivo a breve. Le notizie che mi sono pervenute nelle ultime ore lascerebbero trapelare un po' di ottimismo. Per ora non sono in grado di dire altro se non che il presidente della nostra federazione, sembra che stia portando avanti trattative che vanno nella giusta direzione. Quindi, a mio parere, in questa fase andrebbero smorzate le polemiche e abbassati i toni, in attesa che si formalizzino accordi favorevoli per tutti. Ovviamente appena se ne saprà di più speziarunning.it terrà tutti informati.

7 commenti:

  1. Ho visto su TLS un'intervista al Sig. Volpi...Ha dichiarato che vorrebbe creare a La Spezia una struttura sportiva simile a quella del Milan "Milanello" ???
    A quanto mi risulta Milanello e' un centro esclusivamente dedicato al PALLONE!!! non vorrei che la novita' sia questa... Va be al massimo ci useranno come raccattapalle, visto che a noi piace correre...saluti Riccardo Cervi

    RispondiElimina
  2. E' verosimile che Volpi abbia mire sul Montagna (chi con un po' di cervello in situazioni come questa non le avrebbe?) ma quello che si potrebbe finalmente realizzare coinvolgerebbe anche l'atletica e forse qualche altra federazione attraverso una convenzione firmata dal Coni. Con orari più dilatati (con un po' di illuminazione?), manutenzione attrezzature e forse una palestra...

    RispondiElimina
  3. O Balo,credi ancora alle favole?

    RispondiElimina
  4. Non e' questione di credere alle favole: quando ci sono di mezzo gli interessi dello Spezia e c'e' la possibilita' di essere coinvolti tutto e' possibile...

    RispondiElimina
  5. claudio calabresi22 novembre 2010 15:46

    Forse ha ragione l'anonimo:alla tua eta' credi ancora alle favole.
    Se ci sono di mezzo gli interessi dello Spezia Calcio,lo Spezia Calcio pensa giustamente prima a se stesso visto che deve anche pagare e dopo la prima squadra,verranno gli allievi,i pulcini ,le donne se ci sono e quant'altro.
    Alla fine il contentino per l'atletica e la cittadinanza.
    Chi dovrebbe aiutarci è l'assessopre allo Sport che è anche dirigente dello Spezia e chi favorira' secondo te?IL ricco calcio o i cittadini ,giovani,anziani e donne(singolare che sia di Rifondazione Comunista!)E il tutto perche' il Comune per anni non ha mantenito i patti secondo come ci hai spiegato

    RispondiElimina
  6. ragazzi, ragazzi... cerchiamo di stare con i piedi per terra! Nel nostro mondo ideale vorremmo un Montagna aperto dalla mattina alla sera per l'atletica, senza interferenze, con piste nuove e regolamentari, attrezzature dignitose e quant'altro possa servire per praticare al meglio il nostro sport preferito. Non è stato possibile vederlo realizzato prima, figuriamoci adesso, con le poche risorse a disposizione della Marina e del Coni e dopo anni di mancata convenzione.... Cerchiamo di capire quando il fine può giustificare il mezzo. C'è solo un'entità che riesce a spendere nello sport in questa città ed è lo Spezia: se vogliamo approfittarne questo è il momento e questa è la strada. Lo Spezia trova i soldi, il Coni firma una convenzione per tutti, la Marina apre i cancelli e dilata gli orari e così anche noi troviamo i nostri benefici. Poi ognuno, in cuor suo, continuerà ad avere il proprio giudizio su assessori, amministratori, dirigenti, militari.... L'importante è frequentare il campo sentendoci un po' meno ospiti indesiderati rispetto ad ora.

    RispondiElimina
  7. Vogliamo solo un campo aperto come esiste in tutte le citta':
    al nord o al sud ,di destra o di sinistra ,c'è anche in molti paesini,ma non a Spezia,unico capoluogo in Italia

    RispondiElimina