mercoledì 24 novembre 2010

Nuovo approccio e nuove speranze

Dopo otto giorni di iniezioni e cazzeggi, ieri ho ripreso con un'ora di spinning e oggi mi sono spinto, visto anche le condizioni meteo favorevoli, a due ore di bicicletta, in pianura per riprendere un po' di confidenza col mezzo e col mio fisico dopato da Bentelan e Voltaren, i due guerrieri messi a difesa della sciatalgia che mi ha colpito. A parte gli scherzi, dopo la prima seduta fisioterapica, ho ripreso un po' di fiducia e vedo un bagliore di speranza per la piena ripresa, anche nella corsa. Le parole di Arianna mi hanno convinto a dedicare più tempo (e in questo momento è anche più facile) a un certo tipo di ginnastica posturale che dapprima dovrebbe rilassare e poi cominciare a rinforzare le zone lombardi/spinali e addominali. Insomma, non ci sono scorciatoie, devo passare di lì e sperare bene.

15 commenti:

  1. claudiocalabresi30 novembre 2010 15:41

    Ma che vecchio e vecchio.
    Chi fa sport da 0 a 100 anni non e'vecchio,qualunque sport pratichi,al limite basta camminare.(con moderazione)

    RispondiElimina
  2. appunto,hai detto bene: camminare e basta e non tediare nessuno

    RispondiElimina
  3. ciao come va? ho appena letto del tuo non nuovo mal di schiena ( brutta rogna ,lo so )
    importante è ricominciare per gradi come ben sai e come ti avrà detto la tua fisioterapista
    in bocca al lupo allora ciao maurizio

    RispondiElimina
  4. per chi non avesse capito volevo ricordare che per non essere "tediati" basta non leggere il blog e se, non potendo fare a meno di leggere (è più forte di te, dì la verità...), prima di scrivere delle cagate "anonime" si può sempre contare fino a 10....
    balo

    RispondiElimina
  5. Davide D'Amanzo1 dicembre 2010 18:42

    Ok, per sdrammatizzare lanciamo un sondaggio: chi è l'anonimo? 1) Maurizio Graziano seccato dai maltrattamenti di Riccardo - 2) io, che sotto sotto non ho mai potuto sopportare di essere battuto da Riccardo (se ti sistemo il cardio aggratis è perchè ti voglio vedere andare in bici!) - 3) Riccardo stesso, per vedere quanti lettori gli dimostrano solidarietà!

    Votate numerosi!!! :)

    RispondiElimina
  6. cosa si deve votare? cazzate?
    ma qui non si doveva parlare di running e basta?

    RispondiElimina
  7. hai perfettamente ragione, parliamo di corsa e di corridori....
    balo

    RispondiElimina
  8. Davide D'Amanzo2 dicembre 2010 16:14

    ... era per sdrammatizzare...

    RispondiElimina
  9. Senza che nessuno si offenda... Ma forse l'anonimo trova sconcertante come Tu continui a martellare il tuo organismo "prima correndo" e ora in bici, pensando poi di risolvere i problemi fisici con farmaci , ortopedici e fisioterapisti.
    La bicicletta doveva servirti per recuperare i problemi di schiena se non sbaglio??? Ma se dopo 2 mesi la trasformi in agonismo sciroppandoti 5 ore di pedalata, e’ normale che venga fuori la sciatalgia o un infiammazione delle vie urinarie. Impara a vivere lo sport in maniera soft… Salutoni Riccardo Cervi

    RispondiElimina
  10. E' proprio vero. Quando si decide di fare il blogger, cioè di scrivere in chiaro (senza nascondersi dietro l'anonimato) su un blog, si è, ovviamente alla mercè di chiunque voglia commentare, intervenire, approfondire, consigliare (anche se chi gestisce il blog ha la possibilità di "regolare" i commenti fino a cancellarli, volendo). La mia indole è quella di lasciare voce a tutti (tranne agli insulti e alle offese gratuite rivolte a chiunque) anche perché sono un fervido assertore della discussione intesa come critica costruttiva. Riguardo al commento di Riccardo Cervi che trova addirittura "s c o n c e r t a n t e" come io continui a martellare il mio organismo (cosa che non sto facendo affatto), rispondo che alla fine per stare mediamente bene di fisico e di testa, penso che l'importante sia che ognuno interpreti lo sport come meglio crede, conscio che eventuali problemi vanno affrontati, possibilmente risolti per continuare a fare ciò che piace (magari con un po' di speranza e senza arrendersi ai primi verdetti): correre, pedalare, nuotare, pescare... Non esiste soft o hard, esiste l'interpretazione che "libera" l'anima.
    P.S.: ...quando sono arrivato "all'infiammazione alle vie urinarie" mi sono toccato i coglioni (non si sa mai mi venisse anche quella).
    balo

    RispondiElimina
  11. Si, proprio bravo. Da che pulpito.... E' stato il primo che si e' rovinato per correre a tutti i costi...

    RispondiElimina
  12. che banda di fenomeni in questo sito: mi sa che siete tutti a pezzi
    ste' a ca' che è mei

    RispondiElimina
  13. Rovinato? Non mi sembra...Anzi forse dopo 10 anni di intensa attivita' agonistica ho raggiunto la maturita' sportiva, e ora posso evitare di ripetere errori che chiunque come principiante compie...Il mio unico infortunio serio l'ho avuto quest'anno "pubalgia" causata dall'unica pista disponibile di 330mt troppo dura e con un raggio di curva troppo stretto per compiere allenamenti veloci...In questo momento fisicamente sto bene e valutero' se preparare per il 2011 la scalata al Monte Faudo o la skay race o rimettermi in pista "mio vero amore" per abbattere quel famoso muro di 2'.10" negli 800 che con 2'11" quest'anno ho sfiorato...Un salutone a tutti...p.s. Balo non te la prendere per gli anonimi, dai voce pure a loro, vedrai che verra' il momento che cresceranno...Riccardo Cervi

    RispondiElimina